Passa ai contenuti principali

Una profezia che parla di noi

Venerdì prossimo è il 21.12.12 il giorno in cui si dovrebbe avverare la Profezia dei Maya, di cui nessuno sa dire con precisione in cosa consista: pare che i Maya, infatti, avessero, per tale data, fissato la fine di un’Era, ma cosa ciò significhi davvero resta un mistero misteriosissimo.
Nel 2009 avevo invitato a partecipare a un sondaggino (ancora aperto) in cui chiedevo cosa farete il 20 p.v.; e in questi anni, affascinato da questa Profezia, ho cercato di documentarmi (con esiti discutibili).
Oggi penso che tentare di prevedere il Futuro con precisione “svizzera” dica molto di noi, della nostra smania di essere sempre pronti all’evenienza, efficienti ed efficaci. Pronti a non farci cogliere impreparati dagli imprevisti, perché... abbiamo previsto tutto, anche la proverbiale fine del mondo.
In altre parole, la Profezia dei Maya, parlerebbe di noi in modo davvero impensabile. Parlerebbe della nostra sbornia di efficienza, ma anche della nostra paura dell’anonimato. Della nostra smania di protagonismo, volesse anche dire essere attori dell’Apocalisse! 
Noi desideriamo che venerdì prossimo accada qualcosa di epocale (ma non definitivo), qualcosa da poter raccontare in futuro potendo dire: “Io c’ero”.
Eppure, più ci avviciniamo alla data e più ho l’impressione che l’attesa si sgonfi e che ci sia già chi è pronto a scommettere su una nuova data e a fare altri pronostici.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Il mondo delle perfette cretine

Esiste un mondo, una “bolla” (come direbbero quelli bravi), popolato da perfette cretine.
È il mondo nel quale una donna, per il solo fatto di essere donna, è una principessa e/o una fatina buona priva di qualsiasi difetto e cattiveria. Perfetta in quanto donna.
È il mondo nel quale le donne, mentre si laccano le unghie parlando al telefono con le amiche, si lodano perché si riconoscono in grado di fare due cose contemporaneamente (ossia, appunto, laccarsi le unghie e parlare al telefono).
È il mondo in cui vengono bandite le parole “violente” dell’anatomia e sostituite con quelle tranquillizzanti della fanciullezza.  Un mondo in cui, quindi, risuonano leggiadre parole come “farfallina”, “patatina” e “passerina”.
Un mondo in cui non si entra mai nel merito delle cose, ma si preferisce liquidare le critiche accusando l’autore delle stesse di essere “misogino”, “violento”, “irrisolto”, “maschilista”, “brutale”... Un mondo, quindi, in cui la realtà dei fatti è bandita. E questo perché, se si ent…

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Gli occhiali d'oro di Bassani

La prima volta che ho letto Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani ero un ragazzo: avevo 18 anni ed ero stato spinto alla lettura del romanzo dall'uscita del film di Giuliano Montalto.
Ho riletto il libro e l'ho - nuovamente - trovato un capolavoro assoluto. Ne ho scritto su Parole GLBT.
Credo che prossimamente rivedrò pure il film...