Passa ai contenuti principali

Eretici digitali


Per professare un’eresia bisogna che ci siano dei dogmi contro cui schierarsi. Coloro che vedono il Web come il luogo della più completa libertà, faticano a pensare che anche il Web possa avere i suoi dogmi. O, meglio, che anche coloro che la rete in qualche modo “orientano” possano avere atteggiamenti dogmatici o definitivi (nel senso di non aperti al confronto e al cambiamento).
Con Eretici digitali, edito da Apogeo, Massimo Russo e Vittorio Zambardino si pongono, dichiaratamente, nel filone dell’eresia, tentando di mostrare ai fedeli del Web, specie a quelli devoti alla visione di Internet come risolutrice di tutti i mali sociali, che non sono sempre tutte rose e fiori.
I due autori, infatti, prendono in esame vari aspetti del Web così come è adesso e ne mostrano ai lettori gli aspetti critici, quelli che possono mettere in seria discussione perfino la visione di un Web luogo di democrazia per eccellenza.
Anzi, la rete è (per gli autori) talmente condizionata da coloro che ne tengono le fila (come, ad esempio, Google, Facebook, i vari provider...) da essere seriamente in pericolo proprio in quanto luogo di libera espressione.
Serve, secondo gli autori, uno scatto eretico che coinvolga non solo coloro che “vivono” in rete, ma anche i giornalisti (professionisti del racconto), per far sì che i due mondi, finora contrapposti e antagonisti, si uniscano e trovino un modo nuovo e produttivo per collaborare, in modo che la libertà di stampa non muoia e con essa il racconto dei fatti verificato e consapevolmente autonomo rispetto a quello propagato dal Potere.
I due autori sottolineano come oggi
[…] da una parte c’è un establishment dell’informazione che fa fatica a capire che deve cambiare registro, strumenti e metodo nel fare il suo lavoro. Dall’altra c’è la difficoltà di chi invece è nativo della rete nel comprendere i conflitti e le asimmetrie che si stanno formando dentro la rete, con rendite nuove e già molto forti. Sullo sfondo c’è la politica, che non capisce o fa finta di non capire, e che quando interviene sui temi della rete o dell’informazione lo fa in modo censorio e comunque poco tutelante della pluralità e delle libertà. […] Su tutto ci sono le piattaforme, ovvero i nuovi mediatori del potere economico in rete.
I due “eretici”, quindi, invitano colleghi e navigatori/autori ad abbandonare i rispettivi dogmi (professionali e non) e a percorrere strade nuove, prima che il conto da pagare ai nuovi gabellieri del Web (la definizione è degli autori) diventi troppo salato.
Un volume, quello di Russo e Zambardino, la cui lettura può risultare urticante, sia per i giornalisti, sia per i nativi digitali, ma che può essere lo spunto per approfondite riflessioni sia sulle cause che hanno portato alla degenerazione del giornalismo (specie in Italia), sia ai pericoli (reali) cui va incontro la democrazia se la rete e la libertà di stampa vengono imbrigliate.


Eretici digitali è disponibile su Amazon

Commenti

Post più letti durante la settimana

Tu sei

Mi concedo il lussodi sognarti,di sognarci.
Io sonoil maturo affidabile,l’usato ben tenuto.
E tu?Tu sei.

Sorrido alla Vita

Nell'agosto del 2000 ho avuto uno shock anafilattico e mi è stato detto che, nel giro di 10 minuti, sarei morto soffocato.  L’unica speranza per me, che, fino a quel momento, non sapevo di essere allergico a qualcosa, era che non fossi allergico anche al cortisone. Non lo sono ed eccomi qui.
Negli ultimi giorni un mio contatto su Facebook mi ha fatto notare che sorrido spesso. Gli ho risposto che la vita è già triste di suo ed è meglio non peggiorare le cose.
Ora vorrei aggiungere che io sorrido alla Vita. Sorrido con la consapevolezza profonda, radicata, che essa possa cessare in qualsiasi istante. Sorrido per la sua insensatezza. Sorrido perché i piccoli dispiaceri quotidiani non diventino, ai miei occhi, tragedie immani. Sorrido tentando di prendere il meglio da ciò che mi viene offerto. 
Mi difendo con un sorriso.
Leggi anche Dionisiaco

Letteratura GLBT

Recensioni a libri di narrativa che hanno per argomento tematiche e personaggi GLBT. 
A AaVv Claudio Finelli a cura di, Se stiamo insiemeAndré Aciman, Chiamami col tuo nomeAndré Aciman, CercamiGilbert Adair, The DreamersB Dorothy Baker, Cassandra al matrimonioYehoshua Bar-Yosef, Il mio amatoAnna Berra, L'ultima cerettaMatteo B. Bianchi, Tu Cher dalle stelleAlan Bennett, La cerimonia del massaggioAlan Bennett, Gli studenti di StoriaPhilippe Besson, Un amico di Marcel ProustPhilippe Besson, Un ragazzo italianoFrancesco Botti,Di corsa, di nascostoGyles Brandreth, Oscar Wilde e i delitti a lume di candelaFranco Buffoni, ZamelFranco Buffoni, Il servo di ByronWilliam Burroughs, Il pasto nudoC Andrea Camilleri, Il colore del soleAdolfo Caminha, Il negroTruman Capote, Colazione da TiffanyGandolfo Cascio, AdmetoLuis Cernuda, I piaceri proibitiStephen Chbosky,Ragazzo da pareteJean Cocteau, I ragazzi terribiliDennis Cooper, TroieIvan Cotroneo, Un bacioMichael Cunningham, Mr BrotherE Eve EnslerI…