Passa ai contenuti principali

In cerca del nuovo giornalista

Sergio Maistrello torna in libreria con un nuovo saggio: Giornalismo e nuovi media, edito da Apogeo, nel quale indaga il mondo dell’”informazione al tempo del citizen journalism” (così come recita il sottotitolo).
Si tratta di un volume accurato, nel quale l’autore racconta e fotografa lo stato dell’arte, non dimenticando di informare il lettore anche sull'evoluzione storica che ha condotto alla situazione attuale.
Una situazione in cui tutti coloro che hanno accesso alla Rete globale possono fare informazione; e in cui, probabilmente di conseguenza, è poco avvertita/cosciente la necessità di un mediatore professionista (ossia il giornalista).
Una situazione che vede emergere la profonda sofferenza in cui si trovano a vivere molti grossi colossi dell’informazione, arroccati come sono sulla difesa di vecchi sistemi produttivi o diffidenti verso le innovazioni tecnologiche; timorosi che il loro legittimo profitto possa venir meno.
Paradossalmente, però, proprio l’atteggiamento di chiusura verso il nuovo modo di “abitare la rete” che il Web 2.0 ha diffuso tra i navigatori (fatto di collaborazione e di conversazione) rallenta lo sviluppo di un nuovo tipo di giornalismo di cui, troppo spesso, si sente la mancanza. Un giornalismo meno superficiale e, di conseguenza, sia più di indagine, sia più specializzato.
Un giornalismo che sappia, in qualche modo, rendere semplice la complessità, dare un’ordine al caos che regna (rendendolo vitale) nel Web.
Un giornalismo che sappia trattare le fonti (siano essi appartenenti al mondo biologico o a quello digitale); che sappia abbandonare la concorrenza di cui si è nutrito e fatto scudo finora, a favore della collaborazione (tra giornalisti, lettori, blogger…); che sappia confezionare approfondimenti e aggregazioni di notizie.
Un giornalismo che capisca che l’unità di misura del Web non è la “testata” (il sito), ma  il singolo contenuto che può (che deve) scorrere tra i mille rivoli di cui si compone il mare magnum del Web per poter vivere e dare senso al vissuto.
Il libro di Maistrello illustra questo nuovo tipo di giornalismo, non fermandosi agli enunciati, alle teorie, ma approfondendo con esempi, buone pratiche, storie che l’autore rintraccia (cerca) sia in Italia, sia, molto più spesso, nei paesi anglosassoni.
Casi che l’autore racconta assai bene, rendendo la lettura del saggio assai piacevole.

Commenti

Post più letti durante la settimana

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Gli occhiali d'oro di Bassani

La prima volta che ho letto Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani ero un ragazzo: avevo 18 anni ed ero stato spinto alla lettura del romanzo dall'uscita del film di Giuliano Montalto.
Ho riletto il libro e l'ho - nuovamente - trovato un capolavoro assoluto. Ne ho scritto su Parole GLBT.
Credo che prossimamente rivedrò pure il film...

Quando stavo per morire

Ho già scritto che sono stato a un passo dalla Morte: nell’agosto del 2000, mentre ero in vacanza in Calabria, ho avuto uno shock anafilattico e mi sono stati “annunciati” 10 minuti di vita.
La crisi si è manifestata all’improvviso: mi si è gonfiato parte del volto (in particolare il naso e la bocca) e ho iniziato ad avere dei crampi talmente forti da non riuscire a respirare.
La prima cosa che la dottoressa della Guardia medica ha voluto sapere (credo a causa delle convulsioni) era se fossi in crisi d’astinenza.Le ho risposto che non ero (e non sono tuttora) un tossicodipendente.
Allora ha capito (o ha avuto certezza) che si trattava di uno shock anafilattico.Mi ha chiesto se fossi allergico al cortisone, mia unica speranza di vita.Ho risposto che non sapevo neppure di essere allergico a qualcosa d’altro.
Mi ha detto che, se fossi stato allergico anche al cortisone, sarei morto; altrimenti, senza l’iniezione di cortisone, sarei morto soffocato entro dieci minuti.A me la scelta.Ho scelto…