Passa ai contenuti principali

In cerca del nuovo giornalista

Sergio Maistrello torna in libreria con un nuovo saggio: Giornalismo e nuovi media, edito da Apogeo, nel quale indaga il mondo dell’”informazione al tempo del citizen journalism” (così come recita il sottotitolo).
Si tratta di un volume accurato, nel quale l’autore racconta e fotografa lo stato dell’arte, non dimenticando di informare il lettore anche sull'evoluzione storica che ha condotto alla situazione attuale.
Una situazione in cui tutti coloro che hanno accesso alla Rete globale possono fare informazione; e in cui, probabilmente di conseguenza, è poco avvertita/cosciente la necessità di un mediatore professionista (ossia il giornalista).
Una situazione che vede emergere la profonda sofferenza in cui si trovano a vivere molti grossi colossi dell’informazione, arroccati come sono sulla difesa di vecchi sistemi produttivi o diffidenti verso le innovazioni tecnologiche; timorosi che il loro legittimo profitto possa venir meno.
Paradossalmente, però, proprio l’atteggiamento di chiusura verso il nuovo modo di “abitare la rete” che il Web 2.0 ha diffuso tra i navigatori (fatto di collaborazione e di conversazione) rallenta lo sviluppo di un nuovo tipo di giornalismo di cui, troppo spesso, si sente la mancanza. Un giornalismo meno superficiale e, di conseguenza, sia più di indagine, sia più specializzato.
Un giornalismo che sappia, in qualche modo, rendere semplice la complessità, dare un’ordine al caos che regna (rendendolo vitale) nel Web.
Un giornalismo che sappia trattare le fonti (siano essi appartenenti al mondo biologico o a quello digitale); che sappia abbandonare la concorrenza di cui si è nutrito e fatto scudo finora, a favore della collaborazione (tra giornalisti, lettori, blogger…); che sappia confezionare approfondimenti e aggregazioni di notizie.
Un giornalismo che capisca che l’unità di misura del Web non è la “testata” (il sito), ma  il singolo contenuto che può (che deve) scorrere tra i mille rivoli di cui si compone il mare magnum del Web per poter vivere e dare senso al vissuto.
Il libro di Maistrello illustra questo nuovo tipo di giornalismo, non fermandosi agli enunciati, alle teorie, ma approfondendo con esempi, buone pratiche, storie che l’autore rintraccia (cerca) sia in Italia, sia, molto più spesso, nei paesi anglosassoni.
Casi che l’autore racconta assai bene, rendendo la lettura del saggio assai piacevole.

Commenti

Post più letti

Parla Egisto: ho scelto!

Qualche giorno fa, correggendo il mio Parla Egisto, ero in dubbio se farne un libro, oppure pubblicarlo online a puntate, come se si trattasse di un blog (leggi). Non riuscivo a scegliere quale soluzione adottare, poi ho capito che la scelta giusta era, comunque, pubblicarlo. Ecco, allora che, da oggi, Parla Egisto è sia un libro cartaceo, sia un ebook.

Parla Egisto è disponibile su Amazon.it

Lavapiubianco

Pubblicato per la prima volta nel 1998 dalle Edizioni dell’Ariete di Siracusa, Lavapiubianco è il mio primo romanzo che, nel 2009, ho ripubblicato con Lulu.com sia in forma cartacea, sia come ebook.

Il romanzo narra la storia d'amore del protagonista per Lavapiubianco, una passione travolgente che non conosce ostacoli o barriere di sorta.




ORDINA IL LIBRO
Dalla rassegna stampa
ALESSANDRO RIZZO, in «Milk», 12 gennaio 2014.
6. A chi ha voluto rivolgersi Danilo Ruocco con “Lavapiubianco”? A tutti, ma soprattutto a quanti sono chiusi in una gabbia o si nascondono agli altri e a se stessi. Liberatevi e vivete in prima persona. Senza maschere e senza nascondervi. Vivete con il vostro nome e cognome. Siate la vostra Identità (con la I maiuscola).
ENRICO PROSERPIO, in «Culturaperta», 17 novembre 2009. "Lavapiubianco è un libro la cui narrazione veloce è zeppa di sessualità senza mai essere volgare. Il sesso, assolutamente libero e mercificato nella nuova società, diventa un mezzo di presa di …

Una app Android per Danilo Ruocco

Se hai uno smartphone e/o un tablet Android e vuoi ricevere in automatico sul tuo dispositivo gli ultimi post dei blog Danilo Ruocco 2.0 e Spazio Ruocco ti potrebbe essere utile la app che metto a disposizione gratuitamente. Si tratta di un lettore di feed che puoi liberamente configurare secondo le tue esigenze. Una volta scaricata la app, per installarla ti ricordo che, sul tuo device Android, nelle Impostazioni/Protezione devi mettere un flag accanto a “Origini sconosciute” (che puoi togliere subito dopo che l’installazione è riuscita). Al primo avvio, la app scarica gli articoli disponibili. Poi, ogni volta che viene pubblicato un post in uno dei due blog, la app lo scaricherà in automatico e un messaggio ti segnalerà l’avvenuto aggiornamento.
______
Ultimo aggiornamento app: 07.10.18