Passa ai contenuti principali

Io voto

In vita mia sono sempre andato a votare.
Ritengo che recarmi alle urne sia il minimo che io possa fare per tenere ancora in vita la debole democrazia in cui vivo.


Ammetto che non ho molta fiducia e stima nella e della classe politica italiana, ma ciò non mi impedisce ancora di credere che il mio voto sia necessario
Necessario non importante o fondamentale. Necessario.


Di elezione in elezione scelgo per quale partito votare. 
Scelgo quello che più di altri ritengo possa rappresentarmi: possa, cioè, essere portatore della mia voce là dove essa possa avere una possibilità di contare qualcosa.
Al momento non esiste il partito politico che mi rappresenti appieno. Il partito da sposare.


Esistono partiti di cui, di volta in volta, scelgo di fidarmi. Di affidarmi.
Oggi, dopo le ultime Regionali, il numero di coloro che hanno scelto di astenersi è tale da essere diventato la "forza" numero uno in Italia. 

Una "forza" debole perché non ha rappresentanti. 
Una "forza" che non conta nulla e di cui ognuno può, virtualmente, farsi portavoce senza che alcuno l'abbia votato.

Chi si astiene firma una delega in bianco e, forse senza rendersene conto, vota sempre per il vincitore.


Paradossalmente, molti di coloro che si astengono, lo fanno per manifestare un loro disagio, una loro protesta, una loro voglia di cambiamento. Ma non votando non agiscono, non mettono in moto o guidano il cambiamento, ma - nella migliore delle ipotesi - lo subiscono.


Io voto anche perché credo di poter essere un buon co-pilota.

Commenti

Post più letti

Parla Egisto: ho scelto!

Qualche giorno fa, correggendo il mio Parla Egisto, ero in dubbio se farne un libro, oppure pubblicarlo online a puntate, come se si trattasse di un blog (leggi). Non riuscivo a scegliere quale soluzione adottare, poi ho capito che la scelta giusta era, comunque, pubblicarlo. Ecco, allora che, da oggi, Parla Egisto è sia un libro cartaceo, sia un ebook.

Parla Egisto è disponibile su Amazon.it

Lavapiubianco

Pubblicato per la prima volta nel 1998 dalle Edizioni dell’Ariete di Siracusa, Lavapiubianco è il mio primo romanzo che, nel 2009, ho ripubblicato con Lulu.com sia in forma cartacea, sia come ebook.

Il romanzo narra la storia d'amore del protagonista per Lavapiubianco, una passione travolgente che non conosce ostacoli o barriere di sorta.




ORDINA IL LIBRO
Dalla rassegna stampa
ALESSANDRO RIZZO, in «Milk», 12 gennaio 2014.
6. A chi ha voluto rivolgersi Danilo Ruocco con “Lavapiubianco”? A tutti, ma soprattutto a quanti sono chiusi in una gabbia o si nascondono agli altri e a se stessi. Liberatevi e vivete in prima persona. Senza maschere e senza nascondervi. Vivete con il vostro nome e cognome. Siate la vostra Identità (con la I maiuscola).
ENRICO PROSERPIO, in «Culturaperta», 17 novembre 2009. "Lavapiubianco è un libro la cui narrazione veloce è zeppa di sessualità senza mai essere volgare. Il sesso, assolutamente libero e mercificato nella nuova società, diventa un mezzo di presa di …

Una app Android per Danilo Ruocco

Se hai uno smartphone e/o un tablet Android e vuoi ricevere in automatico sul tuo dispositivo gli ultimi post del blog Danilo Ruocco 2.0 ti potrebbe essere utile la app che metto a disposizione gratuitamente. Si tratta di un lettore di feed che puoi liberamente configurare secondo le tue esigenze. Una volta scaricata la app, per installarla ti ricordo che, sul tuo device Android, nelle Impostazioni/Protezione devi mettere un flag accanto a “Origini sconosciute” (che puoi togliere subito dopo che l’installazione è riuscita). Al primo avvio, la app scarica gli articoli disponibili. Poi, ogni volta che viene pubblicato un post, la app lo scaricherà in automatico e un messaggio ti segnalerà l’avvenuto aggiornamento.
______
Ultimo aggiornamento app: 07.10.18