Quando la comunicazione è subdola

In questi giorni il controverso Ministero delle Pari Opportunità della ministro Mara Carfagna ha licenziato uno spot contro l’omofobia.
Lo spot o è un auto-goal di proporzioni bibliche, oppure è subdolo in quanto, con la scusa di lottare contro l’omofobia (che altro non è che paura della diversità), in realtà la sobilla e/o rinforza.

Infatti, lo slogan dello spot è a dir poco omofobo: esso invita a “Non essere tu quello diverso”. 
Davvero raccapricciante pensare che si invita a non essere diversi, mentre si dovrebbe combattere coloro che la diversità temono e aggrediscono!

Ora, conoscendo la nota capacità comunicativa del Governo cui la Ministro appartiene, nasce il sospetto che questo spot sia un chiaro esempio di comunicazione subdola: fingendo di combattere un grave atto di discriminazione (l’omofobia), in realtà tale discriminazione rinforza, invitando i cittadini all'omologazione che rifiuta la diversità.

Inoltre, a livello di immagini, si abbina il concetto di diversità sessuale a quello di emergenza: lo spot, infatti, è ambientato in un Pronto Soccorso. 
Una location davvero inquietante. 
Perché non scegliere un luogo meno ansiogeno e più quotidiano? 
Perché non dare della diversità un’immagine serena?
Le risposte sono dolorosamente chiare...







Commenti

Post più visti del mese

Soldati

Chi legge tra le righe legge un testo tutto suo

And the winner is…