Passa ai contenuti principali

Il fallimento del webring

Forse qualcuno se li ricorda ancora i webring
Erano (sono) dei circuiti (ring) di siti che si collegavano (si collegano) l’un l’altro in ragione di un qualche punto di contatto (come un tema comune, l’appartenenza dei webmaster a qualche comunità…).

I webring promettevano (e promettono) agli associati un maggior numero di visite al proprio sito, partendo dall'assunto che il navigatore che ha letto il sito di un associato possa voler leggere anche il sito di un altro associato.

L’assunto non era errato in sé, ma poteva valere nell’archeoweb. Non oggi.

Oggi, in genere, non si naviga più come una volta, quando si partiva da un portale o da un sito preferito e si seguivano i vari link, spinti anche dal gusto picaresco dell’avventura.

Oggi, in genere, si parte da un motore di ricerca e, velocemente, si scandagliano le pagine dei primi 5/10 risultati per vedere se contengono ciò che si cercava. 
Inoltre, con i Feed RSS si resta costantemente aggiornati sulle novità dei siti preferiti e, quando si clicca su un link, in genere si sa più o meno cosa contiene la pagina su cui si viene indirizzati (perché annunciato da chi il link ha creato). 
Lo stesso vale per quanto attiene ai link segnalati nei social network

Oggi, forse, si naviga con maggiore consapevolezza, traendo gran parte dello svago non dalla navigazione in sé, ma dai contenuti.

Il webring presuppone/va una navigazione random fondata sulla fiducia nei confronti dello sconosciuto gestore del webring stesso, fiducia che, forse, oggi non si è disposti a concedere. 
La fiducia va a chi si conosce.

Ma il fallimento dei webring non è causato solo dalle abitudini dei navigatori, ma anche da quelle dei webmaster che, oggi, preferiscono compilare personalmente la propria lista di siti da suggerire ai lettori.

In ultimo, non va sottovalutato il fatto che, spesso, l’autore di un blog non ha la possibilità di intervenire sul codice html per poter inserire la stringa necessaria a far funzionare il webring…

Insomma, i webring che ancora sopravvivono hanno tutta l’aria di essere residui di una guerra persa o vezzi di webmaster un po’ snob, amanti del tempo che fu.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Tu sei

Mi concedo il lussodi sognarti,di sognarci.
Io sonoil maturo affidabile,l’usato ben tenuto.
E tu?Tu sei.

Sorrido alla Vita

Nell'agosto del 2000 ho avuto uno shock anafilattico e mi è stato detto che, nel giro di 10 minuti, sarei morto soffocato.  L’unica speranza per me, che, fino a quel momento, non sapevo di essere allergico a qualcosa, era che non fossi allergico anche al cortisone. Non lo sono ed eccomi qui.
Negli ultimi giorni un mio contatto su Facebook mi ha fatto notare che sorrido spesso. Gli ho risposto che la vita è già triste di suo ed è meglio non peggiorare le cose.
Ora vorrei aggiungere che io sorrido alla Vita. Sorrido con la consapevolezza profonda, radicata, che essa possa cessare in qualsiasi istante. Sorrido per la sua insensatezza. Sorrido perché i piccoli dispiaceri quotidiani non diventino, ai miei occhi, tragedie immani. Sorrido tentando di prendere il meglio da ciò che mi viene offerto. 
Mi difendo con un sorriso.
Leggi anche Dionisiaco

Letteratura GLBT

Recensioni a libri di narrativa che hanno per argomento tematiche e personaggi GLBT. 
A AaVv Claudio Finelli a cura di, Se stiamo insiemeAndré Aciman, Chiamami col tuo nomeAndré Aciman, CercamiGilbert Adair, The DreamersB Dorothy Baker, Cassandra al matrimonioYehoshua Bar-Yosef, Il mio amatoAnna Berra, L'ultima cerettaMatteo B. Bianchi, Tu Cher dalle stelleAlan Bennett, La cerimonia del massaggioAlan Bennett, Gli studenti di StoriaPhilippe Besson, Un amico di Marcel ProustPhilippe Besson, Un ragazzo italianoFrancesco Botti,Di corsa, di nascostoGyles Brandreth, Oscar Wilde e i delitti a lume di candelaFranco Buffoni, ZamelFranco Buffoni, Il servo di ByronWilliam Burroughs, Il pasto nudoC Andrea Camilleri, Il colore del soleAdolfo Caminha, Il negroTruman Capote, Colazione da TiffanyGandolfo Cascio, AdmetoLuis Cernuda, I piaceri proibitiStephen Chbosky,Ragazzo da pareteJean Cocteau, I ragazzi terribiliDennis Cooper, TroieIvan Cotroneo, Un bacioMichael Cunningham, Mr BrotherE Eve EnslerI…