Passa ai contenuti principali

Danilo Ruocco 2.0

Da quando ho aperto il mio sito personale sono cambiate molte cose in me e nel web.
Non ricordo la data esatta in cui ho messo on line la prima versione del mio sito personale. Internet Archive ha iniziato a memorizzare le homepage di www.daniloruocco.it dall’agosto del 2001, ma credo di avere un mio url da qualche mese prima*.
Dal 2001 a oggi sembra trascorso un secolo. Il mondo è cambiato (temo in peggio), io sono invecchiato (ormai sono alla soglia dei 40) e il web, migliorando e crescendo, è diventato 2.0.
I cambiamenti sopra elencati mi hanno spinto a modificare ciò che si può leggere all’indirizzo www.daniloruocco.it
Se fino a oggi il mio sito era una sorta di vetrina “istituzionale” in puro stile web 1.0, da oggi www.daniloruocco.it entra nel web 2.0 e da “istituzionale” diventa “personale” a tutti gli effetti (non escludendo, ma, anzi, integrando, le parti più propriamente “istituzionali”).
A me la nuova versione piace e spero piaccia anche a coloro che hanno la bontà di leggermi e commentare (una delle positività del web 2.0 è proprio la facilità con la quale si può interagire).
Buona conversazione, dunque!


______________
Aggiornamento del 12.09.18: in effetti il sito daniloruocco.it esiste dal 28 maggio 2001.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Come già sono

Conservo le foto che mi mandi: coprono la distanza, leniscono l’assenza.
Sei l’imprevisto che in silenzio attendevo;la giovane follia chemi emoziona.
Non sarò maicome mi sogni, perché mi vuoi come già sono.

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Gli occhiali d'oro di Bassani

La prima volta che ho letto Gli occhiali d'oro di Giorgio Bassani ero un ragazzo: avevo 18 anni ed ero stato spinto alla lettura del romanzo dall'uscita del film di Giuliano Montalto.
Ho riletto il libro e l'ho - nuovamente - trovato un capolavoro assoluto. Ne ho scritto su Parole GLBT.
Credo che prossimamente rivedrò pure il film...