Passa ai contenuti principali

Delo


Tempio dedicato a Dioniso

A Delo, l’isola sacra degli antichi Greci, si può arrivare solo via mare. Per chi ha un minimo di immaginazione l’approdo è suggestivo: mentre il battello si avvicina, si fanno via via più definite le rovine dell’antica civiltà.

La prima considerazione è che doveva davvero essere un’isola fiorente; considerazione che viene confermata dalla visita all’isola. È un susseguirsi di resti di templi, di agorà più o meno grandi (pare che a Delo vi fosse il mercato di schiavi più importante dei tempi) e di abitazioni civili (le uniche che sono state rinvenute in tutta la Grecia).

Per chi ama visitare i siti archeologici, Delo è una meta obbligata: l’isola era votata innanzitutto al dio Apollo, ma in ragione del fatto che era considerata sacra da molti popoli antichi (al punto che sul suo suolo era proibito partorire e morire), vi si trovano i resti di templi dedicati anche ad altri dèi (egizi compresi e, d’altronde, non va dimenticato il fatto che una delle dinastie di faraoni più nota – i Tolomei – era di origine greca).

I resti che si ammirano sono “ridotti male”: per circa un millennio Delo è stata lasciata nelle mani di predoni senza scrupoli che l’hanno utilizzata come cava di marmo a cielo aperto e così le sue rovine sono state razziate un po’ da tutti.

Bellissima la vista che si gode da alcuni di tali rovine, come – ad esempio – dal teatro che “affaccia” sul mare.

L’isola, ora, è brulla e disabitata e la visita agli scavi può risultare faticosa per due motivi: il sole che picchia impietoso e l’assoluta mancanza di un punto ristoro (cui sarebbe facile rimediare).

Il museo archeologico (ingresso gratuito) è poco organizzato e complessivamente deludente e manca di un bookshop nel quale comprare materiale informativo e gadget vari.

Se ci si trova nelle Cicladi, Delo è una tappa da non mancare.

Commenti

Post più letti durante la settimana

Come già sono

Conservo le foto che mi mandi: coprono la distanza, leniscono l’assenza.
Sei l’imprevisto che in silenzio attendevo;la giovane follia chemi emoziona.
Non sarò maicome mi sogni, perché mi vuoi come già sono.

La rispettabilità genera "doppi" | AMLETO

Ci sono romanzi talmente famosi che i loro titoli entrano, addirittura, nel linguaggio comune e le cui storie sono tanto note che si può avere la sensazione di averli già letti.
Uno di tali romanzi è sicuramente Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson che ieri ho letto e oggi recensito su AMLETO.

Quando stavo per morire

Ho già scritto che sono stato a un passo dalla Morte: nell’agosto del 2000, mentre ero in vacanza in Calabria, ho avuto uno shock anafilattico e mi sono stati “annunciati” 10 minuti di vita.
La crisi si è manifestata all’improvviso: mi si è gonfiato parte del volto (in particolare il naso e la bocca) e ho iniziato ad avere dei crampi talmente forti da non riuscire a respirare.
La prima cosa che la dottoressa della Guardia medica ha voluto sapere (credo a causa delle convulsioni) era se fossi in crisi d’astinenza.Le ho risposto che non ero (e non sono tuttora) un tossicodipendente.
Allora ha capito (o ha avuto certezza) che si trattava di uno shock anafilattico.Mi ha chiesto se fossi allergico al cortisone, mia unica speranza di vita.Ho risposto che non sapevo neppure di essere allergico a qualcosa d’altro.
Mi ha detto che, se fossi stato allergico anche al cortisone, sarei morto; altrimenti, senza l’iniezione di cortisone, sarei morto soffocato entro dieci minuti.A me la scelta.Ho scelto…