Seguimi...

mercoledì 27 aprile 2016

Chi ero nel 2002


Di solito un sito web ha tra le sue pagine statiche quella in cui l’autore (o gli autori) descrivono se stessi ai propri lettori. 
Tali presentazioni cambiano raramente e, quando vengono modificate, ciò che è stato cancellato, se non memorizzato altrove, viene perso per sempre.
Il sito Internet Archive monitora i cambiamenti di milioni di siti e ne archivia le varie versioni.
Il mio dominio personale è da loro “archiviato” dal 2001 e così sono riuscito a recuperare la pagina Chi è (poi sostituita da Biografia) così come si presentava nel 2002.
Eccola.

Danilo Ruocco tra il serio e il faceto

Chi è? Se stesso
Chi crede di essere?! Se stesso
Chi lo conosce?! Chi può dirlo?

Luogo di nascita: Bergamo
Anno di nascita: 1969
Sesso: sì, grazie!

Miglior pregio: la sincerità (che, però, può essere anche un difetto!).
Peggior difetto: la pigrizia (che, però, non ha il tempo di esercitare... Inoltre, lui afferma essere un pregio: vuol dire credere nelle capacità altrui. Sarà per questo che non ha il tempo per esercitarla?!).
Il sentimento che più lo sconvolge: l'Amore (è l'ultimo dei romantici, anche se alcuni affermano essere il re dei cinici).
Ciò a cui non rinuncerebbe mai: la gioia di vivere.
Ciò in cui crede: nell'Amicizia.
Ciò per cui è pronto a combattere: la Libertà.
Definizione di Libertà: perché imprigionare la Libertà in una definizione?
Sogno nel cassetto: dirigere una casa editrice importante.
Ciò per cui vorrebbe essere ricordato: l'onestà intellettuale.
Premio che conta di vincere: il Nobel per la Letteratura (se lo hanno vinto gli altri, non vede perché non può vincerlo anche lui: in fondo, chi erano gli altri scrittori, prima di vincere il Nobel per la Letteratura? Scrittori che speravano di vincere il Nobel per la Letteratura!).

Scrittori preferiti: troppi per essere ricordati tutti. Sicuramente Luigi Pirandello, Alberto Moravia, Salvatore Quasimodo, Vittorio Alfieri, Carlo Goldoni, Pier Vittorio Tondelli, Italo Calvino, Sandro Penna, Sandro Veronesi (non vorrei gli portasse sfiga, dato che è l'unico vivo dell'elenco!).