Certezze che cullano

Mi consola l’idea
che di me 
non resterà nulla.
Non il corpo.
Non il ricordo.
Non il dolore.

Cullato da tali certezze, 
sprofondo nel sonno.