Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2012

Oggi mi sono sentito antico

Immagine
Sto facendo delle interviste per un libro cui sto lavorando.
Ho "riesumato" il registratore a microcassette che usavo abbastanza assiduamente qualche anno fa. Funziona ancora perfettamente e per le prime due interviste ho usato l'ultima microcassetta vergine che mi era rimasta.
Oggi sono andato al centro commerciale con l'intento di comprarne delle altre. Ho girato per qualche minuto tra gli scaffali in cerca della merce, poi mi sono arreso e ho chiesto a un giovane commesso. Questi, al sentire parlare di microcassette ha sgranato gli occhi in preda al panico e, testuale, mi ha detto "La faccio parlare con il mio collega che sicuramente sa di che si tratta". 
Manco a dirlo il collega aveva la mia età e ha capito cosa stessi cercando. Mi ha, però, detto che loro le microcassette non le vendono più: ora si registra in digitale!
Ecco, oggi mi sono sentito antico!

In attesa di risposte...

Ecco cosa ho scritto questa mattina al centro assistenza della Emtec, con il quale si può comunicare solo via e-mail, dato che, se si telefona, risponde un nastro registrato che rimanda al sito... Ad ora non hanno ancora risposto e mi chiedo quanto tempo dovrà passare prima che lo facciano...  Sono curioso di sapere se l'oggetto che si è rotto si può riparare e se conviene farlo o se, invece, costa meno comprarne uno nuovo...
Salve,
sabato sera ho programmato una registrazione dalla TV. Domenica mattina ho trovato il Movie Cube Q800 ancora acceso invece che spento come era sempre successo. L'ho spento con il bottone che c'è sul retro e poi ho riacceso. La luce blu posta sul fronte dell'apparecchio ha iniziato a lampeggiare e non ha mai smesso e l'apparecchio non funziona.
Come si risolve l'inconveniente? Grazie Danilo Ruocco __________
AGGIORNAMENTO: Non ho fatto a tempo a pubblicare questo post che mi è arrivata la risposta. Mi suggeriscono di aggiornare il firmware.…

Libri e lettori

Sono tra coloro che credono che siano i libri a trovare i propri lettori e non viceversa. Quando vado in libreria (e succede spesso), guardo tra gli scaffali aspettando di essere “chiamato” da un titolo, ovvero, aspettando che la mia attenzione venga attratta da un libro che, non si sa per quale misteriosa miscela, riesce a diventare l’unico libro di tutta la libreria, inducendomi all’acquisto. Lo stesso accade tra gli scaffali di casa mia: guardo il loro ordinato contenuto con affrettato distacco fino a quando un libro si impone sugli altri e mi chiede di essere letto. Oggi, dopo cena, mentre uscivo dal salotto di casa dei miei genitori, mi ha chiamato In diretta dal Golgota di Gore Vidal, un libro che ho comprato nel 1993 e che non avevo mai letto. Oggi Vidal mi ha chiesto tutta la sua attenzione e io gliel’ho concessa: l’ho preso dallo scaffale e ho iniziato a leggere. Si tratta di un romanzo pieno di gustose deliranti visioni che, al momento, mi sta proprio piacendo. 
P.S. Che oggi dov…