Giapponesi de-virilizzati


Particolare di un cartellone pubblicitario

In Giappone, accanto al fenomeno del lolitismo che "obbliga" le ragazze giapponesi a vestirsi come delle bambine e a mimare il pianto quando parlano con un uomo, si nota il fenomeno della de-virilizzazione che sta imponendosi tra i giovani maschi, specie tra quelli che abitano nelle grandi metropoli.
La de-virilizzazione si manifesta per mezzo dell’uso
  • di acconciature tipicamente femminili e del bando del capello corto;
  • della borsetta e del borsone da donna;
  • di monili;
  • di alcuni capi di abbigliamento molto vaporosi e dalle trasparenze tipiche dei vestiti femminili;
  • della dissimulazione della sudorazione.

Particolare di una
stampa giapponese
Alessandro Del Piero in una
pubblicità giapponese

Non so a cosa si debba precisamente il fenomeno. 
Si potrebbe ipotizzare che esso sia dovuto in parte a una non corretta interpretazione dell’eleganza in stile occidentale o in parte a un’idea di divino (nel senso di un tentativo di allontanarsi da un certo machismo occidentale molto simile all’animalità). 
Ma potrebbe anche essere un ricordo delle proprie tradizioni che volevano certi uomini “stilosi” al pari delle donne o un modo per allontanarsi dall’immagine del giapponese “nazistoide” molto diffusa in tutto il mondo.
La de-virilizzazione non ha risparmiato neppure le immagini pubblicitarie anche di famosi uomini occidentali.