Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2005

Sei davvero tu?

Viviamo in una società sempre più sorvegliata/controllata, nella quale, per usare gli oggetti che ti appartengono, bisogna digitare delle password o farsi riconoscere: il computer, il bancomat e via discorrendo. Il bello e/o brutto è che tutto viene fatto con il dichiarato intento di tutelarci da cattivi intenzionati: è per verificare se ciò che vogliamo usare o il posto (reale o virtuale che sia) in cui vogliamo entrare ci appartengono... Insomma fidarsi è bene... con quel che segue.
Quello però che insistentemente queste richieste di riconoscimento fanno (ripetutamente nella stessa giornata) è chiederci una cosa sola: «Sei davvero tu?».

Volatile in casa

In casa mia nel primo pomeriggio è entrato a razzo un uccellino che si è fiondato nella stanza in cui ero. Mi sono spaventato di brutto: non me lo aspettavo e mi sono subito venute alla mente le immagini di Gli uccelli di Hitchcock quando i gabbiani attaccano gli uomini...
Credo, però, che il povero uccellino fosse più spaventato di me! Appena gli ho aperto la finestra della camera è schizzato fuori a velocità fotonica. Grazie al cielo non mi ha scagazzato per tutta la casa.